Sequestro di pesce spada nell’hinterland napoletano




Cronaca | Francesco Lubrano Lavadera | 4 giugno 2014 alle 08:50

Nel solco dell’istituzionale attività’ di controllo e vigilanza della filiera ittica e di tutela della salute dei consumatori, la Capitaneria di Porto di Napoli, in data odierna, ha posto in essere una delicata operazione di contrasto al commercio abusivo di prodotti ittici nella zona del quartiere Poggioreale  del comune di Napoli.

L’azione, scattata  alle prime ore del mattino e preceduta da una specifica attività’ investigativa, ha portato al sequestro, presso un deposito facente capo ad un’azienda locale operante presso il mercato ittico di Volla, di numerosi esemplari di pesce spada sotto misura in procinto di essere immesso illecitamente in commercio nell’hinterland napoletano.
il pescato sequestrato, del peso complessivo di centinaia di chilogrammi, giudicato idoneo al consumo umano da parte dell’ASL competente e’ stato devoluto in beneficenza mentre per gli esercenti del deposito e’ scattato il deferimento all’autorità giudiziaria,  .
L’attività di oggi s’inserisce in una più ampia e complessa operazione di monitoraggio della filiera di commercializzazione dei prodotti ittici avviata nelle ultime settimane da parte della capitaneria di porto di Napoli presso mercati ittici, esercizi commerciali di vendita al dettaglio ed all’ingrosso e punti di sbarco presenti sul litorale, che ha portato complessivamente al sequestro di circa oltre una tonnellata e mezzo sia di specie ittiche assoggettate a particolare tutela del legislatore (tonno rosso, pesce spada e ricci di mare) nonché di altre specie ittiche sotto misura o risultante in pessime condizioni igienico/sanitarie ovvero prive di qualsiasi documentazione di tracciabilità che ne attestasse la relativa provenienza. Vari, i verbali di illecito amministrativo elevati per un importo complessivo sanzionato pari a  diverse  migliaia di euro, mentre ammontano complessivamente a sei i sequestri di natura penale ed amministrativa posti in essere per violazioni delle norme in materia di commercializzazione, igiene e sanità’, tutela dei consumatori.
Da dicembre scorso ad oggi l’incessante e capillare azione a tutela dei consumatori e della salute pubblica condotta attraverso le proprie componenti operative dagli uomini della guardia costiera di Napoli nelle province di Napoli e Caserta, ovvero in contesti territoriali caratterizzati dall’endemica presenza della criminalità’ organizzata, ha portato nel suo complesso al sequestro di circa 1500 (millecinquecento) tonnellate di prodotti ittici illecitamente immessi in commercio per un valore complessivo di oltre 30 (trenta) milioni di euro, garantendo la preservazione di interesse primari della collettività’ e la preservazione ed il mantenimento del patrimonio ecosistemico floro/faunistico dei nostri mari.

Comunicato stampa


Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Napoli su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Francesco Lubrano Lavadera

Francesco Lubrano Lavadera Francesco Lubrano Lavadera Blogger | Web Editor per @AffacciaSulMare.it | Istruttore di Basket
Sito: http://procida.blogolandia.it


blog comments powered by Disqus